venerdì 10 febbraio 2012

Momenti di Tai chi nel parco


Durante la manifestazione Passione Giardino i visitatori potranno assistere ad una dimostrazione di Tai Chi da parte del maestro Paolo Zaffelli - ex campione europeo di whu shu e recentemente uscito vittorioso ad una importante competizione di tai chi chuan a Seul.  

Sarà inoltre presente il "gruppo tai chi chuan del parco dei ciliegi" che animerà la giornata proponendo diversi momenti di avvicinamento a questa antica arte marziale cinese.
Cos'è il tai chi chuan ?
Il tai chi chuan è una antica arte marziale cinese, che ha radici nel pensiero taoista da cui trae  i principi che sono alla base di questa disciplina: il libero fluire dell’energia Chi o Qj, l’armonia tra forze opposte e complementari lo yin e lo yang, il concetto della impermanenza (ciclo dei mutamenti) che permea tutto il creato. Questi concetti sono incarnati nella disciplina attraverso la circolarità e fluidità dei movimenti, nell’equilibrio fisico e psichico e nella lentezza come condizione necessaria all’autoascolto e alla ricerca di uno stato mentale rilassato e consapevole.
Perché nel parco?
L’antica abitudine, ancora oggi molto diffusa in Cina, di praticare quest’arte all’aperto è dovuta a ragioni di natura energetica e filosofica.
La pratica all’aperto consente di riequilibrare le energie provenienti dalla terra con quelle del cielo dove l’uomo, o il praticante, è il punto mediano.
Inoltre, il contatto con gli elementi quali l’aria, la luce, i colori, i suoni consente una migliore comunione tra l’uomo e la natura.
La natura è infatti centrale nello spirito di quest’arte che ad essa costantemente si ispira emulandone le forme. 
Quali benefici ?
Molteplici sono i benefici sul piano fisico e psicofisico, oggetto di continui studi in campo scientifico.
Anticamente, la pratica del tai chi veniva associata in modo sinergico ad altre forme terapeutiche, quali ad esempio l’Agopuntura.
Gli effetti più macroscopici sono quello relativi alla motilità degli arti e delle articolazioni, il miglioramento dell’equilibrio sia fisico che psichico, dovuto al lavoro posturale ma anche alla condizione di rilassamento generale che ha forti effetti di riduzione dello stress.
Ormai di evidenza scientifica sono quelli di prevenzione delle malattie come l’osteoporosi e la prevenzione delle cadute accidentali soprattutto degli anziani (in molte strutture ospedaliere, particolarmente in Francia, il tai chi è parte integrante dei percorsi terapeutici).
Altri evidenti effetti sono relativi al miglioramento delle difese immunitarie, e recenti studi stanno evidenziando positive ricadute nel miglioramento di malattie come il Parkinson.
Sono evidenti anche i guadagni sul piano delle relazioni interpersonali e sociali, soprattutto per personalità introverse. Per ottenere certi risultati sul piano fisico, occorre però una costante pratica della disciplina.